dethemedetheme
Mark Zuckerberg e Star Wars

by Monica Moscheni

Il fondatore e dirigente di Facebook, Mark Zuckerberg, ha da sempre due grandi passioni: l’informatica e i film di Star Wars.

Ripercorriamo la vita di un uomo che, con un PC sulla scrivania e la spada laser accanto al letto, ha conquistato fama, successo e, non meno importante, il titolo di 6° uomo più ricco del mondo.

L’infanzia di Mark Zuckerberg, l’informatica “per imbranati” e Star Wars

14 maggio 1984: lo stato di New York dà il benvenuto all’uomo che rivoluzionerà la comunicazione online.

In una giornata dei suoi primi 10 anni il piccolo Mark, già conquistato dai gadget di Star Wars, si incuriosì davanti ad un grosso apparecchio installato nella sua casa di White Plains: un personal computer che il padre, di professione dentista, utilizzava per il lavoro.

L’imitazione, si sa, è la migliore forma di apprendimento, e fu così che Zuckerberg junior imparò ad usare il PC, ma non solo: l’abilità innata lo portò a sviluppare a quell’età il suo primo programma, lo “Zucknet”, per collegare il PC di casa e quello dello studio dentistico.

Le potenzialità di Mark non sono rimaste inosservate dai genitori, che decisero di investire sulla formazione informatica del figlio assumendo un insegnante privato.

La carriera del sesto uomo più ricco del mondo è iniziata dal libro C++ for Dummies, ovvero la guida per “imbranati” nella programmazione: le prime nozioni hanno trovato evidentemente un terreno molto fertile in cui mettere radici.

La fanciullezza di Zuckerberg terminò con un Bar Mizvah animato da Jeidi e astronavi.

Gli esordi di Facebook: 4 amici all’Università di Harvard

Mark Zuckerberg, giovane talentuoso che nel frattempo ha rifiutato 1 milione di dollari offerti dalla Microsoft, entrò a meno di 20 anni all’Università di Harvard.

E’ nei dormitori del college che in meno di una settimana si sviluppò il social che cambiò il mondo, dal nome iniziale di theFacebook.

Un rivoluzionario ha sempre bisogno di collaboratori e Mark li trovò tra alcuni suoi compagni: Eduardo Saverin, Dustin Moskovitz e Chris Hughes.

Il network Facebook attirò l’attenzione di molti investitori, tra cui le più grandi industrie dell’intrattenimento mondiale come MTV, ma Mark rifiutò tutte le offerte milionarie, affidandosi al suo intuito e all’educazione imprenditoriale di Don Graham, allora direttore del Washington Post.

Il coraggio di un giovane uomo verrà premiato da risultati che tutti possiamo ammirare.

Facebook oggi: i numeri da capogiro e la bambina Jedi

Nel mese di Aprile 2016 il numero di iscritti a Facebook ha toccato quota 1 miliardo e 590 milioni di iscritti del mondo, superando tutti gli altri social globali, Whatsapp incluso (dati statista.com).

Le cifre esorbitanti, la quotazione in borsa e il successo costante non hanno però ostacolato l’entusiasmo di un giovane uomo di poco più di 30 anni, la relazione con Sheila e la vita della piccola Max, che in pochi mesi ha già conquistato milioni di fan e un costumino da Jedi, comprato dal padre in occasione dell’uscita dell’ultimo capitolo della saga di Star Wars.

E se il successo si misura dall’intraprendenza e dalla volontà: “che la forza sia con voi!”

Monica
About Monica
Le giuste parole colorate con le giuste emozioni. Monica veste con eleganza, personalità e professionalità le creazioni DingoLab: sceglie con cura il suono di ogni parola regalando ad ogni nuovo progetto una melodia originale e preziosa.
Mark Zuckerberg e Star Wars
Mark Zuckerberg: coraggioso imprenditore e fan di Star Wars